CookiesAccept

Questo Sito Web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito.

Continuando ad utilizzare questo sito Web stai implicitamente autorizzando l'utilizzo dei cookies. Per saperne di piu'

Approvo
CHI SIAMO

GRUPPO SPORTIVO AVIS di PRATOVECCHIO – Una storia di cuore e pedali


Il Gruppo Sportivo AVIS di Pratovecchio che si appresta a celebrare, nel settembre 2011, la ventesima edizione della sua manifestazione più importante e cioè la Straccabike, eredita la tradizione del Gruppo Ciclistico AVIS, attivo nel paese sede del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi già negli anni ’70.

Con l’avvento della mountain bike, all’inizio degli anni Novanta, un gruppo di amici appassionati del pedale decide di rinverdire quella tradizione aggiornandola ai terzo millennio, e fra una chiacchiera e una bevuta al bar nasce lo slang nostrano di Straccabike, curioso mix tosco-sassone che indica la stanchezza del pedalare..

Il primo traguardo è datato 1992, la gara arriva a Piazza Paolo Uccello e la Straccabike se l’aggiudica Massimiliano Bartolini, che nei primi anni si contenderà la leadership col romagnolo Sanzio Mainardi. Fino al 1996, quando sembrò sbarcare da Marte Dario David Cioni, il professionista fiorentino che dominò la gara in sella ad una bi ammortizzata., prima di trasferirsi su strada e coprirsi di gloria sportiva.

A quel punto la “Stracca” è sulla rampa di lancio per diventare un appuntamento fisso tra i più attesi della Toscana, e conosce – grazie al dinamismo e all’inventiva del direttivo del club – un lungo periodo di espansione. Si inserisce in prestigiosi circuiti regionali, e l’albo d’oro a sua volta si arricchisce di nomi prestigiosi come quelli di Paolo Alberati, Sergei Mikhailovski, Mirco Balducci e Francesco Casagrande, ma lascia spazio anche alla grande speranza locale, quel Nicola Corsetti che riesce sempre a giocarsela coi più forti, e che sale sul gradino più alto del podio nel 2004.

I tempi sono maturi per ampliare ancora gli orizzonti. Prima ci si prova con una gara su strada (la Gran Fondo “Le vie dei legni”), poi si asseconda l’iniziativa di un nutrito gruppo di podisti, e nasce una bellissima corsa campestre tra i vicini castelli di Romena e Porciano. Inoltre, l’iniziativa coinvolge anche i più piccoli, ed è ormai atteso tanto quanto la Straccabike l’appuntamento del sabato pomeriggio per i più piccoli. Alla Mini Straccabike prendono parte abitualmente più di cento bambini e ragazzi nel bellissimo parco del Canto alla Rana a Stia.

Da quella iniziativa nascono anche i corsi estivi di mountain bike organizzati a Pratovecchio per bambini e ragazzi, ma nel frattempo la Straccabike si mette purtroppo il lutto al braccio. La prematura scomparsa di Fiorenzo Maccari, uno dei più dinamici e attivi soci del club, fa sì che il consiglio direttivo del club decida di intitolare al suo nome il trofeo assegnato ogni anno al vincitore. Lo spirito positivo di Fiorenzo continua a guidare dal cielo l’attività dei suoi amici, che vengono ripagati da un record dietro l’altro per numero di iscritti e livello della manifestazione.
Oggi il sodalizio guidato dal presidente Giampaolo Pesce – uno che non ha mai fatto mistero di avere come valore aggiunto una squadra ai massimi livelli - sta per ricordare, con una edizione tutta speciale, la ventesima volta che a Pratovecchio si prepara la grande festa di sport denominata Straccabike.

E sarà un week end lunghissimo, per tutti, da vivere davvero col fiato sospeso.